sabato, Aprile 1, 2023
spot_img

Autonomia, Pino Aprile in piazza con i sindaci: “Autonomia secessione dei ricchi”

L’Autonomia Differenziata porta in piazza a Napoli i sindaci del Sud. Pino Aprile guida la protesta, mentre Pedicini respinge il PD: “Non li vogliamo”.

Autonomia, Pino Aprile in piazza con i sindaci: “Autonomia secessione dei ricchi”

Le parole di Pino Aprile e Piernicola Pedicini sono state riportate dall’agenzia di stampa 9Colonne. La manifestazione “Uniti solo se Uguali”, promossa dall’Associazione dei sindaci Recovery Sud è andata in piazza a Napoli.

“Oggi rompiamo quel muro di complicità e di indifferenza delle
istituzioni sull’autonomia differenziata – ha dichiarato lo scrittore Pino Aprile,
fondatore del Movimento Equità Territoriale – la più grande rapina di tutti i tempi
dell’Italia unificata.

I sindaci sono la prima istituzione sul territorio, a diretto
contatto con i cittadini, e questo elimina l’intermediazione dei parlamentari eletti
nel Mezzogiorno, dei presidenti di Regione del Sud, dell’Anci e di tutte quelle
istituzioni e rappresentanze che con la scusa della mediazione tradiscono gli interessi
del Sud Italia”. “Sono particolarmente fiera di rappresentare oggi un Movimento – ha
dichiarato Rossella Solombrino, presidente del MET – che ha dato contribuito e dato un
forte impulso alla nascita della rete dei sindaci del Sud, con l’obiettivo di fare
massa critica tra gli amministratori.

Abbiamo il dovere di informare tutti i cittadini, non solo quelli del Sud – che l’autonomia differenziata non è una semplice redistribuzione delle competenze, ma è un disegno preciso che punta a sottrarre risorse ai meridionali. Purtroppo l’incapacità della politica di dire le cose come stanno, fa sì che la gente non sappia quello che sta avvenendo e oggi potremmo essere molti di più di quelli che siamo”.

Pedicini durissimo: “Quelli del Pd non li vogliamo, Provenzano da Ministro del Sud non ha mosso un dito”

“Con i nostri attivisti e i tanti cittadini che in questi mesi si sono
avvicinati al Movimento Equità Territoriale, abbiamo portato la nostra voce e la nostra
presenza alla manifestazione a Napoli contro il progetto di “secessione dei ricchi” del
Partito dei governatori del Nord.” Lo ha dichiarato l’europarlamentare e segretario del Movimento Equità Territoriale, Piernicola Pedicini.

Era nostro dovere esserci, perché siamo tra i pochi a rappresentare la diversità e a incarnare i veri valori di questa battaglia. È proprio per questo che prendiamo le distanze da tutti quei soggetti politici, in particolare del Partito Democratico, che oggi hanno sfilato in piazza indossando maschere della peggiore ipocrisia.

Persone come Giuseppe Provenzano, oggi in quella stessa piazza a parlare di coesione territoriale, quando da ministro Sud non ha mosso un dito perché
fosse cancellato ogni proposito di questo scellerato progetto nordista. Con che faccia
si presenta nella capitale del Sud chi al Sud ha sistematicamente voltato le spalle?”.
Lo ha dichiarato l’europarlamentare e segretario del Movimento Equità Territoriale
Piernicola Pedicini, commentando la manifestazione “Uniti solo se Uguali”, promossa
dall’Associazione dei sindaci Recovery Sud.

“Come MET siamo pronti a ogni azione e a ogni iniziativa di mobilitazione. E se proprio il progetto di Calderoli e della Lega Nord dovesse essere attuato – prosegue Pedicini – non ci resterebbe altro che difendere il Mezzogiorno d’Italia, chiedendo nuove competenze e costituendo una macroregione, come previsto dalla Costituzione. E se ciò ci fosse negato, l’unica strada passerebbe per una riforma costituzionale attraverso la quale attuare una separazione”.

Leggi anche:

Daniele Naddei
Daniele Naddeihttps://twitter.com/DanieleNaddei
Giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Campania dal 2014. Direttore Responsabile della testata CentroSud24.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
16FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles